Seleziona una pagina

Se avete una bella pianta di camelia, potete prendere in mano un coltello o le forbici da potatore e prepararvi a farne qualche bella talea.

La prima cosa da fare è scegliere un ramo dell’anno corrente, uno di quelli che stanno passando ora dal verde al marrone, e tagliarlo in modo da ottenere una talea lunga tra i 10 e i 20 centimetri. Sempre con un coltello ben affilato, dovremo staccare eventuali steli rasenti e togliere tutte le foglie più basse, lasciando solo quelle più vicine all’apice.

Taglieremo poi il rametto sotto la gemma fogliare più bassa e lo “scorticheremo” un pochino alla base. A questo punto non resta che prendere un vasetto di circa 10 centimetri di diametro, riempirlo di buon terriccio e sistemare la nostra talea. Dovremo trovare per lei una posizione adatta – l’ideale sarebbe un cassone coperto a vetri, ma è sufficiente una posizione luminosa e protetta: per la giusta umidità, dopo aver bagnato il terriccio, provvederemo a coprire il vasetto con un sacchetto di plastica in cui avremo praticato dei forellini.

E poi? E poi bisognerà avere pazienza… perché la talea radichi come si deve ci vorranno circa 3 mesi, poi andrà rinvasata; prima che sia pronta per la messa a dimora definitiva ci vorrà almeno un anno.